Centro Veneto Progetti Donna
Instagram YouTube Twitter FaceBook ico Newsletter Sostienici
safe button
safe button

TITOLO NEWS

Dopo aver sopportato il grande peso di uno stupro, ora la ragazza di Loreggia deve anche sopportare le accuse e gli insulti che le persone, di ogni genere e età, hanno pubblicato sui social network.

Di commenti se ne possono trovare di tutte le sorti, iniziando da persone che additano i genitori della ragazza di aver sbagliato perché le hanno consentito di andare in discoteca a 15 anni, del fatto che se si fuma e si esce a 14 anni si provocano i più “grandi” , e chi più ne ha più ne metta.

Indipendentemente da quello che una ragazza di 15 anni, sia giusto o sbagliato che faccia, non è assolutamente giustificabile uno stupro o un qualsiasi altro tipo di violenza, e soprattutto che questi atti possano essere socialmente accettati e ammessi come è invece emerso dai commenti.

Ci sono delle indagini in corso che si occuperanno della questione, e proprio per questo spesso è meglio rimanere in silenzio, ricordiamo che stiamo parlando di una ragazza minorenne di cui per legge si deve rispettare la privacy.

Le parole spesso possono fare molto male, bisogna per questo fare attenzione e cercare di non esporre a ulteriori disagi coloro che già hanno un grosso fardello da sopportare.

http://mattinopadova.gelocal.it/padova/cronaca/2015/09/17/news/su-facebook-un-altra-violenza-mi-hanno-tradito-anche-gli-amici-1.12108338

 

newsPOL-300x160