Centro Veneto Progetti Donna
Instagram YouTube Twitter FaceBook ico Newsletter Sostienici
safe button
safe button

TITOLO NEWS

WhatsApp Image 2021 10 06 at 15.22.25 WhatsApp Image 2021 10 06 at 15.22.25 2

In Italia un terzo dei/delle minorenni in carico ai Servizi Sociali per maltrattamento subisce violenza assistita. Il dato è riportato da Terre des Hommes e Cismai nella “II Indagine nazionale sul maltrattamento di bambini e adolescenti in Italia”, pubblicata per conto dell’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza nell’aprile di quest’anno. 

Nel 2013 la violenza assistita costituiva la seconda tipologia di maltrattamento principale più frequente, il 20,3% sull’incidenza totale delle forme di maltrattamento. Nel 2018 la percentuale è salita fino al 39,8%, un incremento di quasi 10 punti percentuali.  

Anche per questo Rel.Azioni Positive e il Centro Veneto Progetti Donna, che da trent’anni gestisce i centri antiviolenza della Provincia di Padova, si impegnano nella realizzazione di azioni di prevenzione, riconoscimento ed intervento al fine di proteggere e tutelare i/le minori vittime di violenza assistita, interpretando il fenomeno con una prospettiva più ampia all’interno delle manifestazioni della violenza domestica e di genere. 

Nel 2021 il Centro ha attivato il Progetto “Mi-Va: Minori Invisibili – Violenza Assistita”, con il sostegno di UniCredit Foundation nell’ambito dell’iniziativa “Call for the Regions 2020”. L’intera progettualità si fonda su un approccio basato sui diritti umani e centrato sulla vittima, dove la dimensione di genere, i bisogni, le aspettative e il principio del superiore interesse del/della minore assumono un rilievo centrale.

Il Progetto si propone di ridurre l’impatto della violenza assistita in termini di conseguenze sullo sviluppo psico-fisico dei/delle minori, attraverso il potenziamento di percorsi di presa in carico delle vittime; il supporto alla genitorialità per le donne con figli/e minori in situazioni di violenza; il rafforzamento del lavoro multi-agenzia e del capacity-building tra i soggetti coinvolti nel sistema di protezione e tutela. 

Secondo Carla Garlatti, Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, il riconoscimento della violenza assistita ha richiesto molto tempo. Solo con il Codice Rosso (Legge 69/19) i/le minorenni che assistono ai maltrattamenti sono considerate persone offese dal reato. La Garante sottolinea l’importanza di definire i maltrattamenti in famiglia in presenza di minore come una forma di violenza diretta e la necessità di agire affinché questo squilibrio di potere nelle dinamiche familiari non venga ignorato e normalizzato agli occhi dei/delle minori. 

Inoltre, come rilevato da un’indagine di D.i.Re – Donne in Rete Contro la Violenza – pubblicata nel luglio di quest’anno, raramente la violenza domestica viene riconosciuta all’interno dei tribunali civili e per i minorenni, che spesso intervengono nel percorso di fuoriuscita dalla violenza delle donne supportate dai centri competenti. Nelle decisioni adottate, infatti, la Convenzione di Istanbul è ancora poco citata come riferimento normativo. 

Indipendentemente dalla presenza di comportamenti violenti nei confronti della madre, «nel bilanciare gli interessi tra il diritto alla bigenitorialità e la tutela dalla violenza, in molti tribunali si ritiene che il primo resti prevalente», afferma Garlatti. 

Sarebbe necessaria, invece, una valutazione più approfondita, volta a stabilire il superiore interesse del/della minore, senza confondere i conflitti che possono avvenire nella sfera domestica con le varie forme di violenza intrafamiliare. Le conseguenze di quest’ultima influiscono profondamente sullo sviluppo delle e dei minori che assistono alla violenza agita, ma anche sulla costruzione della loro identità futura, come donne e uomini. La violenza assistita non deve rimanere un fenomeno invisibile: è indispensabile un approccio critico che contrasti la normalizzazione di questi atti e la vittimizzazione secondaria di donne e minori nella realtà giudiziaria, orientato alla prevenzione, ancorato alla raccolta di dati oggettivi e all’impianto legislativo restituito dalla Convenzione di Istanbul.

Per violenza assistita intrafamiliare si intende l’esperire da parte della/del bambina/o e adolescente qualsiasi forma di maltrattamento compiuto attraverso atti di violenza fisica, verbale, psicologica, sessuale, economica e atti persecutori (c.d. stalking) su figure di riferimento o su altre figure affettivamente significative, adulte o minorenni. Il/la bambino/a o l’adolescente può farne esperienza direttamente (quando la violenza/omicidio avviene nel suo campo percettivo), indirettamente (quando il/la minorenne è o viene a conoscenza della violenza/omicidio), e/o percependone gli effetti acuti e cronici, fisici e psicologici.