Centro Veneto Progetti Donna
Instagram YouTube Twitter FaceBook ico Newsletter Sostienici
safe button
safe button

TITOLO ATTIVITA

La violenza maschile contro le donne è un fenomeno sociale e strutturato la cui causa è culturale: la relazione impari di potere tra uomini e donne crea squilibrio nelle relazioni, dipendenza economica, affettiva e isolamento sociale. La prevenzione primaria della violenza deve avere luogo durante la crescita di bambini, bambine, ragazzi e ragazze per offrire loro esempi di relazioni paritarie e rispettose, esempi di indipendenza e autorealizzazione, superamento di pregiudizi e ruoli di genere che costruiscono realtà stereotipate. In collaborazione con Rel.azioni positive scs attiviamo percorsi educativo-formativi per la promozione di una cultura del rispetto delle differenze nelle relazioni fra le donne e gli uomini e percorsi di educazione all’affettività e alla relazione.

I percorsi educativi e di formazione offerti prevedono diversi/e destinatari/e:

  • La comunità educante, ovvero tutte/i coloro che, a vario titolo, hanno un ruolo nell’educazione di bambini/e e ragazzi/e. Ne fanno parte insegnanti, genitori, educatori ed educatrici, babysitter, psicologi e psicologhe, assistenti sociali, zii e zie, nonni e nonne, allenatori e allenatrici sportivi/e, componenti del mondo religioso…
  • Le scuole che, essendo un luogo cardine di crescita e sviluppo per bambini/e e ragazzi/e, possono offrire a tutte e tutti in-formazioni e momenti di riflessione sulla parità, sul rispetto e sul contrasto alla violenza.
  • Ragazzi e ragazze che vogliono approfondire le loro competenze e conoscenze sulla parità di genere, la consapevolezza nell’uso dei mezzi digitali, il contrasto alla violenza contro le donne e la costruzione di relazioni positive.

OBIETTIVI

L’obiettivo dei percorsi è di favorire la costruzione di relazioni positive basate sul riconoscimento della diversità di genere e sulla consapevolezza e la valorizzazione delle differenze tra i sessi, affinché i rapporti si instaurino nel rispetto reciproco, e promuovere la diffusione di una cultura della non violenza. Nello specifico intendiamo:

  • Favorire un confronto tra pari per riflettere sulle differenze di genere e sugli stereotipi create dalla società;
  • Favorire la consapevolezza rispetto ai ruoli che agiamo o che vogliamo agire e delle conseguenze che hanno i comportamenti su noi stessi/ e sui nostri interlocutori;
  • Favorire la consapevolezza sulla rappresentazione di uomini e donne nei mezzi digitali e sulle conseguenze di tale rappresentazione;
  • Favorire la consapevolezza rispetto alle opportunità offerte dai mezzi digitali e alle conseguenze dei nostri comportamenti;
  • Offrire esempi positivi di uso del mezzo digitale e diffondere la conoscenza sulle sue potenzialità;
  • Aiutare i ragazzi e le ragazze a capire che una relazione positiva è una relazione aperta al dialogo e fondata sul rispetto reciproco e sull'accettazione delle differenze altrui;
  • Far conoscere il fenomeno della violenza sulle donne e dare strumenti per riconoscere il fenomeno e conoscere la rete territoriale di contrasto alla violenza;
  • Garantire alla comunità educante gli strumenti per rispondere ai bisogni di bambini/e e ragazzi/e rispetto a tali fenomeni.

 

COMUNITÀ EDUCANTE

 Nel 2021 proponiamo le seguenti formazioni per la comunità educante:
  • Corso sugli stereotipi di genere e il linguaggio inclusivo in classe
  • Corso su rischi e opportunità del mondo digitale in un’ottica di genere e relazioni positive
  • Corso per l’utilizzo dei materiali “Libere di essere” per educatori ed educatrici della Scuola dell’infanzia e per insegnanti della Scuola primaria

Per organizzare un incontro, contattaci:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., 049 8721277

SCUOLA

Scuola primaria

Con bambini e bambine della Scuola primaria sarebbe complesso parlare di violenza contro le donne direttamente, specie considerando che è probabile che qualcuno dei/lle destinatari/e viva una situazione difficile in casa e discutere direttamente delle violenze potrebbe essere molto doloroso.

Per questo motivo, in un’ottica di prevenzione, si parlerà con loro di potere, concetto cardine nelle relazioni violente, per far scoprire loro il potere che hanno come individui e come gruppo all’interno delle relazioni. Inoltre si affronteranno in maniera adeguata le tematiche delle pari opportunità e della responsabilità nell’uso dei mezzi digitali.

Per la scuola primaria offriamo tre moduli educativi:

1) Pari opportunità per crescere in libertà, centrato sulla necessità di rispettare gli altri e le altre e favorire il godimento dei diritti per costruire una società più giusta che non discrimina, con un particolare focus sulle discriminazioni e la parità di genere.

2) Virtuale è reale: responsabilità digitale per relazioni positive, centrato sulla necessità di riconoscere lo spazio digitale come spazio sociale assimilabile a quello “offline” in cui le azioni e le parole hanno lo stesso peso e in cui è necessario assumersi le proprie responsabilità come cittadini e cittadine.

3) Violenza contro le donne: conoscerla per riconoscerla, centrato sulla necessità di offrire a bambini e bambine la comprensione delle forme di potere che possono agire per autodeterminarsi e quelle che invece minano la libertà e la serenità degli altri e delle altre.

Puoi scaricare qui le specifiche tecniche per i tre moduli dedicati alla Scuola primaria.

Scuola secondaria di I grado e Scuola secondaria di II grado

Lavoriamo con le scuole secondarie della provincia da diversi anni e, a partire dall’anno scolastico 2014/2015, offriamo loro i percorsi del progetto “Conoscere al di là degli stereotipi” in maniera strutturata, ampliando di anno in anno l’offerta e adeguando gli incontri sulla base delle esperienze maturate nel corso di ogni anno scolastico.

Per le Scuole secondarie, adattando i contenuti sulla base dell’età dei/lle destinatari/e, offriamo tre moduli:

1) Stereotipi di genere, centrato sui ruoli comunemente associati a uomini e donne e su come questi ruoli determinino uno squilibrio di potere che mina l’autonomia, l’indipendenza e l’empowerment di tutti e tutte.

2) Violenza contro le donne, centrato sulle cause della violenza, le forme in cui si manifesta, i segnali per riconoscerla, sin dalle relazioni tra giovani, e le risorse attivabili sul territorio per contrastarla.

3) Responsabilità e opportunità digitali, centrato sulla responsabilità di tutti e tutte come cittadini/e digitali dei contenuti prodotti e condivisi e delle interazioni che si creano nello spazio digitale. Oltre alla responsabilità dell’utilizzo dei mezzi digitali, il modulo si concentrerà anche sulle opportunità che creano, affinché se ne possa fare un uso consapevole e responsabile.

Puoi scaricare qui le specifiche tecniche per i tre moduli dedicati alle Scuole secondarie di II e II grado.

Percorsi di educazione extra-scolastici

  • Adolescenti (peer education)

Organizziamo periodicamente cicli di incontri di peer education sulla parità di genere e la violenza contro le donne. I ragazzi e le ragazze spesso hanno voglia di discutere di temi cardine per la creazione della loro identità anche fuori dagli ambienti scolastici. La peer education risulta essere particolarmente efficace in quanto si basa sull’influenza positiva tra pari, creando un ambiente confortevole per i/le partecipanti in grado di dare spazio alla riflessione e alla discussione su temi delicati come le diseguaglianze di genere e la violenza contro le donne. Inoltre, la peer education permette ai ragazzi e alle ragazze coinvolti/e come peer educators di percepirsi come modelli per i propri pari e responsabili del cambiamento, sviluppando senso di leadership, abilità comunicative ed empatia.

Clicca qui per scoprire come partecipare e le date del prossimo ciclo di incontri.

  • Comunità per minori

I/le minori ospiti nelle comunità per minori vivono una quotidianità particolare, in cui la convivenza costante con altri/e giovani, la mancanza dei punti di riferimento tipici di adolescenti e giovani minori e la diversità di cui sono portatori/trici necessitano di soddisfare esigenze particolari anche dal punto di vista educativo. Le équipe educative interne alle comunità esprimono la necessità di un supporto da parte di esperti/e su questioni particolari, come ad esempio, la parità di genere e l’educazione al rispetto (temi centrali per la responsabilità e la maturità di cittadine e cittadini); la creazione del gruppo e le relazioni positive al proprio interno, specialmente considerando il frequente turn-over all’interno dei gruppi stessi; la gestione delle emozioni e delle proprie aspettative in vista del reinserimento sociale.

Per organizzare un ciclo di incontri in una comunità per minori, contattaci:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., 049 8721277

 

ESPERIENZA

Fino all’anno scolastico 2019/2020, ovvero nei primi 5 anni scolastici di attuazione dei progetti nelle scuole, abbiamo coinvolto 146 classi delle scuole secondarie di primo e secondo grado della provincia di Padova, permettendoci di entrare in contatto con 3.336 studenti e studentesse. Abbiamo incontrato circa 50 ragazzi e ragazze fuori dalla scuola e abbiamo formato circa 250 insegnanti, genitori, educatori ed educatrici.

Per scaricare e leggere il report dei primi cinque anni nelle scuole secondarie con il progetto "Conoscere al di là degli stereotipi", clicca qui.

 

FINANZIAMENTO E CONTRIBUTI

Attualmente i percorsi educativi sono sostenuti da:

 

CONTATTI

Per qualsiasi informazione e/o comunicazione si prega di far riferimento all’Ufficio Comunicazione del Centro Veneto Progetti Donna nelle persone di:

Stefania Loddo, Mariangela Zanni ai seguenti recapiti:

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Telefono: 049 8721277

Cellulare: 348 0017960