Centro Veneto Progetti Donna
Instagram YouTube Twitter FaceBook ico Newsletter Sostienici
safe button
safe button

TITOLO NEWS

ritiratelo

#ritiratelo. La Giunta regionale del Veneto ritiri il provvedimento killer 

 

La regione Veneto ha previsto un taglio complessivo ai servizi al cittadino di 8 milioni di euro, in un emendamento che taglia complessivamente 100 milioni di euro, in discussione in Consiglio Regionale questo giovedì.

I tagli riguardano: i Centri antiviolenza, le disabilità e i contributi per i CEOD, ente nazionale sordi e unione italiana ciechi, la lotta al tumore al Pancreas e contro l'Alzheimer, l'assistenza pediatrica e un contributo per il reparto di pediatria dell'ospedale di Padova, la mobilità ciclistica, Veneto Nanotech, il ripascimento delle spiagge, la cooperazione e la solidarietà internazionale, le pari opportunità, la prevenzione contro il crimine organizzato e mafioso, tagli all'agricoltura, turismo e cultura, l'imprenditoria giovanile e femminile, il CAI, la fondazione onlus CASA, i consorzi di bonifica, contributi agli enti locali per la bonifica e lo smaltimento dell'amianto, il sistema metropolitano ferroviario regionale, la strada regionale 10 della bassa padovana, la lotta all'abuso e allo sfruttamento sessuale, la non autosufficienza, la lotta alle tossicodipendenze, combattere le povertà e il disagio sociale, azzerato il servizio civile regionale e quello degli anziani, il teatro Goldoni, l'Arena di VR, la Fenice, il Teatro Olimpico di Vicenza e l'Orchestra di Padova e del Veneto, Arteven, Musei e biblioteche, teatri di innovazione, cinema e audiovisivi, musica giovanile, libri di testo per le famiglie bisognose, sale cinematografiche, formazione professionale.

Un servizio in particolare rischia la chiusura, diventando il simbolo di una regione che ha smesso di essere dalla parte dei cittadini: si tratta del Centro antiviolenza di Padova. Un'eccellenza nazionale che in vent'anni di faticosa storia ha costruito un aiuto effettivo per tutte le donne vittime di violenza.

Non è questo il nostro Veneto. Nessuno deve essere lasciato solo.

Diffondiamo la voce per chiedere alla giunta il ritiro immediato del provvedimento. 

E' sufficiente:
1. farsi una foto con un cartellone con scritto #ritiratelo
2. mandarla alla pagina fb "Ritiratelo"
3. pubblicarla sul proprio profilo fb con questa descrizione
"#ritiratelo
chiediamo alla giunta regionale del Veneto di ritirare il provvedimento killer che taglia 100 mln complessivi ai servizi al cittadino. Rischia la chiusura anche il Centro antiviolenza donna di Padova.
Nessuna resti sola.

Vai all'evento

Più di 1000 persone hanno firmato la petizione, se non l'hai ancora fatto metti la tua firma e aiutaci a diffonderla, cliccando qui.

 

Diamo voce alla nostra richiesta:

Giovedì 1 ottobre dalle ore 10.30 davanti a Palazzo Ferro Fini 

TI ASPETTIAMO

 

Aderiscono
Centro Veneto Progetti Donna Auser
Iris - Coordinamento dei Centri antiviolenza del Veneto
Associazione Mimosa

Cgil Padova
Spi Padova

Cgil Veneto
Rete degli Studenti Medi del Veneto
Rete degli Studenti Medi di Padova
Udu Padova
Udu Venezia
Udu Verona
Se non ora quando
Funzione Pubblica Cgil Veneto
Spi Cgil Veneto
Libera-Presidio Silvia Ruotolo
Ente Nazionale Sordi
Arcigay
Donne Democratiche del Veneto
MetaArte Associazione culturale di musica e arte

Associazione Igea

Cooperativa sociale Iside

Associazione PadovaDonne

 

 

Se desideri sottoscrivere l'appello scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

GRAZIE PER IL TUO SOSTEGNO!!!