Centro Veneto Progetti Donna
Instagram YouTube Twitter FaceBook ico Newsletter Sostienici
safe button
safe button

TITOLO NEWS

spot

Gentile Governatore Zaia,

in merito alle sue dichiarazioni relative all’episodio di stupro, La invitiamo in quanto governatore della Regione Veneto a visitare il Centro Antiviolenza di Padova dove due donne al giorno chiedono aiuto per maltrattamenti e violenze.

Vogliamo ricordarLe che la maggior parte delle violenze, compresi gli stupri, non avvengono per strada, bensì all’interno delle mura domestiche, da parte di mariti, compagni o ex, per la maggior parte italiani.

Non è questo forse un fallimento delle politiche, soprattutto regionali, delle pari opportunità e di welfare a sostegno delle donne? Tanto più grave se si pensa che la nostra regione è ampiamente al di sopra della media italiana per la percentuale di donne che hanno subito violenza.

La invitiamo pertanto, Governatore, a guardare anche all’interno della nostra cultura, e a dare finalmente concretezza, alla dichiarazione, per ora solo su carta, di voler tutelare ”l’identità e il rispetto” della donna.

Al contrario oggi la donna è un soggetto poco tutelato, anche all’interno delle relazioni affettive dove, secondo le statistiche e l’evidenza della pratica quotidiana di quanti lavorano a sostegno delle vittime, corre maggior pericolo per la propria incolumità.

Sono infatti 124 le vittime di femminicidio in Italia nel 2012 e vorremmo che ricordasse con la stessa solerzia, per esempio, la ventiduenne Denise uccisa a Montebelluna lo scorso mese.

Non accettiamo che la violenza sulle donne, fenomeno trasversale ad ogni cultura, religione, strato sociale, sia continuamente strumentalizzata a fini ideologici o in chiave negazionista.

 


La risposta del Governatore Zaia

la risposta del Governatore Zaia