Centro Veneto Progetti Donna
Instagram YouTube Twitter FaceBook ico Newsletter Sostienici
safe button
safe button

TITOLO NEWS

NELLE PIAZZE IL 10 NOVEMBRE PER FERMARE IL DISEGNO DI LEGGE PILLON

Il DDL proposto dal Senatore Pillon sulla revisione delle norme in materia di separazione, divorzio e affido dei minori, ci porta indietro di 50 anni e intende trasformare le vite degli ex coniugi e dei loro figli/e in un percorso ad ostacoli, che a parole vorrebbe conciliare i loro problemi, ma di fatto crea maggiori contrasti, imponendo regole che stravolgerebbero la vita proprio di quei figli che vorrebbe tutelare.

L’iniziativa legislativa mira, infatti, a ristabilire il controllo pubblico sui rapporti familiari e nelle relazioni attraverso interventi disciplinari, con una compressione inaccettabile dell’autonomia personale dei/delle singoli/e.

Diciamo NO alla MEDIAZIONE OBBLIGATORIA perché la mediazione ha come presupposto la scelta volontaria delle parti e relazioni simmetriche non segnate dalla violenza.  Nella proposta Pillon, l’obbligo di mediazione viola apertamente il divieto previsto dall’art. 48 della Convenzione di Istanbul, mette in pericolo le donne che fuggono dal violento, oltre a generare uno squilibrio tra chi  tra chi può permettersi questa spesa e chi non può perché non è previsto il patrocinio per i meno abbienti.

Diciamo NO all’imposizione di tempi paritari, alla doppia domiciliazione/residenza dei minori, che comportano la divisione a metà dei figli/e considerati alla stregua di beni materiali. Il principio della bigenitorialità, così applicato, lede il diritto dei minori alla stabilità, alla continuità, ed alla espressione delle loro esigenze e volontà, riportando la genitorialità al concetto della potestà sui figli anziché a quello della responsabilità, già acquisito in sede europea e italiana come principio del rapporto genitori/figli.

Diciamo NO al MANTENIMENTO DIRETTO perché presuppone l’assenza di differenze economiche di genere e di disparità per le donne nell’acceso alle risorse, nella presenza e permanenza sul mercato del lavoro, nei livelli salariali e nello sviluppo della carriera.   Cancellare l’assegno di mantenimento a favore dei figli dà per scontato che ciascun genitore sia nella condizione di dare al figlio pari tenore di vita. Ciò nella maggioranza dei casi non è vero, come i dati Istat confermano. La disparità di capacità economiche dei genitori comporterà una disparità di trattamento dei figli quando saranno con l’uno o l’altro genitore. 

Diciamo NO al PIANO GENITORIALE perché incrementa le ragioni di scontro tra i genitori e pretende di fissare norme di vita con conseguenti potenziali complicazioni nella gestione ordinaria della vita dei minori. Non si possono stabilire in via preventiva quali saranno le esigenze dei figli, che devono anche essere differenziate in base alla loro età e crescita. Il minore con il DDL Pillon diventa oggetto e non soggetto di diritto.

Diciamo NO all’introduzione del concetto di ALIENAZIONE PARENTALE proposta dal DDL che presuppone esservi manipolazione di un genitore in caso di manifesto rifiuto dei figli di vedere l’altro genitore, con la previsione di invertire il domicilio collacondo il figlio proprio presso il genitore che rifiuta. E conseguente previsione di sanzioni a carico dell’altro che limitano o sospendono la sua responsabilità genitoriale.

Si contrasta così la possibilità per il minore di esprimere il suo rifiuto, avversione o sentimento di disagio verso il genitore che si verifichi essere inadeguato o che lo abbia esposto a situazioni di violenza assistita. 

Saremo per questo in piazza in tante città del Paese il 10 novembre per una mobilitazione generale che coinvolga donne e uomini della società civile, del mondo dell’associazionismo e del terzo settore, ordini professionali e sindacati, tutti i cittadini che ritengono urgente in questa complessa fase politica ripristinare la piena agibilità democratica e contrastare la crescente negazione dei diritti e delle libertà a partire dalla libertà delle donne.

Per approndire:

"DdL Pillon va fermato" -  Casa delle donne maltrattate di Milano settembre 2018

"Differenza Donna contrastra il DdL Pillon"

Comitato NoPillon - Veneto  

Se vuoi aderire all'appello clicca QUI oppure invia una mail di adesione a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., scrivendo "NOME COGNOME ADERISCO", e se vuoi condividi il post per coinvolgere i tuoi contatti.

 

#FermatePillon. #FermiamoPillon

Promosso da   Adesioni singole
D.i.Re Donne in rete contro la violenza

Udi Unione donne in Italia

Pangea

Telefono Rosa

Maschile Plurale

CAM Centro di ascolto uomini maltrattanti

CGIL Confederazione generale italiana del lavoro

Rebel Network

NUDM - Non Una di Meno

CISMAI Coordinamento italiano servizi maltrattamento all’infanzia

ARCI

Arcidonna nazionale

Rete Relive

Educare alle Differenze

Movimento per l’infanzia

Federico nel cuore

Be Free

UIL Unione Italiana del lavoro

Terre des Hommes

Manden

Lenove

CNCA Coordinamento nazionale comunità d’accoglienza

Comitato No-Pillon Milano

Lestordite associazione culturale (Forlì)

Coalizione Civica per Padova - Gruppo Politiche di Genere

ANPI Padova

Se Non Ora Quando Padova

Lottodognimese Padova

Non Una di Meno Padova

Gruppo R - Società Cooperativa Sociale

Centro Veneto Progetti Donna

CGIL Padova

Rel.Azioni Positive cooperativa sociale onlus

Giuristi Democratici - Sezione "Giorgio Ambrosoli" - Padova

Arcigay Tralaltro Padova APS

Senonoraquando Venezia

Comitato UAAR Padova

Rete Studenti Medi Veneto

Rete Studenti Medi Padova

Unione degli Universitari Padova

Belluno Donna

Telefono Rosa, Treviso

Telefono Rosa, Verona

Donna chiama Donna, Vicenza

Cooperativa Iside, Mestre-Venezia

Spazio Donna, Bassano del Grappa

Associazione Mimosa

Equality Cooperativa Sociale Onlus

Kairos Donna. Associazione per la tutela della salute mentale delle Donne e delle Famiglie

CGIL Camera del Lavoro Metropolitana di Venezia 

Spi Cgil di Rovigo

Coordinamento Donne Spi Cgil di Rovigo

Coordinamenro Donne Spi Cgil del Veneto

Coordinamenro Donne Spi Cgil Belluno

Senonoraquando Venezia

PadovaDonne

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Monica Vanni                                                                          

Pierilario Troccolo      

Claudia Pividori

Mariangela Zanni  

Benedetta Pradolin

Stefania Loddo 

Greta Chinellato

Donatella Lanzafame

Marina Mancin

Eleonora Zerbetto

Anna Maria Tormene

Angela Ceron

Mariagrazia Lo Giudice

Eleonora Lozzi 

Antonella Spadaro

Giada Schiavon 

Luigi Zanni

Rosa Alampi

Giulia Zanni

Marisa Merlin

Marnie Schiavon 

Alberto Coppo

Franca Liliana Sartori

Serena Piccoli - compagnia teatrale La Betonica (Padova)
 
Alberto Moni - compagnia teatrale La Betonica
 
Marco Paganelli - compagnia teatrale La Betonica
 
Daniela Ruffini - Consigliera comunale, Comune di Padova
 
Bruna Giacomini - Coordinatrice del Forum interdisciplinare per gli studi e la formazione di genere dell'Ateneo di Padova (2016-2018)
 
Arianna Fabris
 
Giuliano Fabris
 
Margherita Fabris
 
Giorgio Rossi
 
Elisabetta Ferraro
 
Ivana Bozzolan
 
Mariantonietta Tolu
 
Liliana Ruzza
 
Mara Tognon
 
Eva Silvestrini
 
Agnese Solero 
 
Elena Sansonetti
 
Marianita De Ambrogio
 
Marta Zanetti
 
Antonella Cunico
 
Lisa Favaro
 
Carmen Schiavon
 
Grazia Correra
 
Antonia Piva
 
Marina Mancin
 
Giulia Simone
 
Fiorella Grigio
 
Manuela Catanzaro
 
Piero Ruzzante Consigliere regionale Liberi E Uguali
 
Luisa Varotto
 
Giorgia Rosamaria Gammino
 
Simonetta Luciani - Senonoraquando Venezia
 
Enrica Zurlo
 
Donatella Rossatelli
 
Giusy La Marca
 
Lorella Schiavon
 
Liliana Frascati
 
Gabriele De Luca
 
Paola Lolato
 
Nadia Dalla Costa
 
On. Maria Teresa Bellucci 
 
Marta Sizzano
 
On. Alessandro Zan - deputato Partito Democratico
 
Sonia Biasi
 
Mariateresa Di Riso
 
Maria Volpini
 
Daniela Fevola
 
Cristina Zavloschi
 
Donata Di Lorenzo
 
Lina Canale
 
Maria Rita Gentilin

Vittoria Pierobon

Irene Frazzarin

Loretta De Martin

Roberta Costantini

Beatrice Gambillara

Alessandra Comazzetto

Marta D'Anna

Ivana Fogo

Giorgia Da Pos

Maria Pia Dalla Nora

Antonella Bradamante Rollo

Cristina Longhin

Gino Nordio

Margherita De Nadai

Daniela Strusi

 

 

 

       

 

 

 

 

                                      

 

 

Anarkikka_Pillon.jpg