Centro Veneto Progetti Donna
Instagram YouTube Twitter FaceBook ico Newsletter Sostienici
safe button
safe button

TITOLO NEWS

Da un'iniziativa del Coordinamento IRIS dei Centri antiviolenza del Veneto, nasce il Comitato NoPillon del Veneto: un’assemblea pubblica per far ritirare il ddl Pillon

Il Comitato NoPillon ritiene non emendabile il disegno di legge “Norme in materia di affido condiviso, mantenimento diretto e garanzia di bi-genitorialità”, noto come ddl Pillon http://www.senato.it/service/PDF/PDFServer/BGT/01071882.pdf.

È necessario il ritiro perché sono apertamente attaccati diritti civili fondamentali, perché il disegno di legge incide pesantemente sulla vita e sulle emozioni dei minori, mette a rischio le donne che vogliono uscire da relazioni violente, incrementa il conflitto e allunga i tempi di separazione dei coniugi, non considera le disparità economiche ancora presenti tra uomini e donne in Italia e costituisce una pesante ingerenza dello Stato nelle scelte di vita delle persone.

Con il pretesto di salvaguardare i minori e consentire la bi-genitorialità, questa proposta di legge promuove una visione adulto-centrica delle relazioni familiari, senza peraltro considerare i dati di realtà della società italiana.

Il 50,7% delle donne italiane non lavora fuori casa, occupandosi esclusivamente della famiglia (fonte Istat)

Il 40% delle donne che si dimettono dal lavoro fuori casa lo fa dopo la nascita dei figli (fonte: Ispettorato del lavoro)

Il 75% dei padri separati non è in regola con il pagamento degli alimenti (Istat, 2011)

Il 24% delle donne separate, divorziate è a rischio di povertà, contro il 15,3% degli uomini nelle stesse condizioni (Istat 2011)

Dopo la separazione, a veder peggiorare la propria condizione economica sono soprattutto le donne (il 50,9% contro il 40,1%) (Istat 2011)

L’82,5% delle separazioni è consensuale (fonte Istat)

Il 90% degli affidi è condiviso (fonte Istat), senza obbligo di mediazione familiare e di piano genitoriale che secondo il ddl Pillon dovrà essere previamente redatto con un mediatore privato e poi approvato dal giudice.

Nella maggioranza delle separazioni consensuali l’intervento del giudice è necessario per aumentare i tempi di permanenza del figlio presso il padre, non contro la volontà della madre, ma contro la volontà del padre.

Il 51% delle donne separate ha subito violenza (Istat 2014), circostanza quest’ultima che rende la mediazione familiare inapplicabile.

Considerata l’alta percentuale di separazioni consensuali e di affidi condivisi già garantiti dalla legge vigente, è semplice affermare che il ddl Pillon non è pensato per rispondere alle esigenze delle famiglie. Avrà invece l’effetto di scoraggiare separazioni e divorzi, trasformare i minori in “beni” da dividere direttamente a metà come oggetti della casa familiare a discapito del loro benessere, di fatto burocratizzando la genitorialità e incrementando le possibilità di contenzioso tra i coniugi.

Per avviare un confronto il più possibile aperto ed un percorso condiviso da chiunque si batta per i diritti civili e la tutela dei minori, il Comitato sta organizzando una serie di iniziative nell’ambito della mobilitazione nazionale prevista per il 10 novembre 2018 nelle città italiane.

Per rimanere aggiornati/e su orari e luoghi definitivi, clicca "mi piace" alla pagina Facebook “Comitato NoPillon - Veneto” o aderisci all'appello per la mobilitazione del 10 novembre. 

Chi vuole aderire e non ha un profilo Facebook o chi vuole scriverci può usare la nostra email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Anarkikka_Pillon.jpg