Centro Veneto Progetti Donna
Instagram YouTube Twitter FaceBook ico Newsletter Sostienici
safe button
safe button

TITOLO NEWS

Copertina Contraccezione di emergenza3

Oggi concludiamo la nostra campagna informativa, dedicandoci ad alcuni dati inerenti alla contraccezione di emergenza.

Rivolgendo lo sguardo alla sua diffusione, la progressiva liberalizzazione - seppur ancora problematica - di questi farmaci ha certamente contribuito alla costante crescita della vendita dei contraccettivi di emergenza registratasi negli ultimi anni: dal 2012 al 2018 l’incremento è stato del 58% (nel solo 2018 è stato del 4% rispetto all’anno precedente).

Tuttavia, i dati ISTAT (La salute riproduttiva della donna, 2017) evidenziano che in Europa l'Italia registra i più bassi livelli di utilizzo (insieme a Germania e Spagna): solo il 12,5 % della popolazione femminile vi ha fatto ricorso nell’arco della vita. Questa quota è molto più alta tra le donne sotto i 30 anni e tra le laureate. In particolare, quindi, si presentano come incisivi il livello d’istruzione (tra le laureate il ricorso è doppio rispetto a coloro che si sono fermate alla scuola dell’obbligo) e l’età (l’uso diminuisce al crescere dell’età).

Inoltre, la variabilità territoriale è forte: con le eccezioni del Veneto e della Provincia Autonoma di Trento, il ricorso alla pillola del giorno dopo è molto più diffuso al Centro-Nord che al Sud e nelle Isole.

Infine, anche l’indagine condotta dalla Fondazione Onda (Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere) supporta la necessità di ulteriori attività di informazione su questo diritto delle donne.

La maggior parte delle intervistate dimostra una conoscenza parziale e superficiale: appena la metà è consapevole che il farmaco è più efficace quanto prima viene assunto e meno di 1 donna su 10 è informata della maggior efficacia della “pillola dei cinque giorni dopo” rispetto alla “pillola del giorno dopo”.

Ancora troppe donne non sanno come accedere all’ultima possibilità di prevenire una gravidanza indesiderata: 1 donna su 3 ignora che il farmaco sia disponibile in farmacia e più di 1 intervistata su 2 non sa di poterlo acquistare senza prescrizione medica, se maggiorenne.

Troverete l'intera campagna informativa sui nostri social (Facebook e Instagram).